Questa strina-sceneggiata fu scritta nel mese di gennaio del 1989 per Carmine Aloe e Carmela De Vellis
che l'hanno cantata il 4 febbraio dello stesso anno nei locali dell'Atrium Banquet Hall (Aurora,
Ontario), in occasione delle celebrazioni di Maria Santissima della Purificazione, detta in volgare
"Candelora".



Il cantastrine (strinaru), s'inginocchia ai piedi della Madonna (Candelora), con una candela accesa, per adempiere un voto: egli chiede di poter essere buono durante tutto l'anno, senza commettere alcun male, senza provare odio nei confronti degli altri e che la sua anima sia purificata.
E la Candelora risponde: «E' buono che tu sia venuto qui a confessarti, ma ricordati che la pace dell'anima
la dovrai trovare da te stesso. In questo mondo, anche se le tue orecchie udiranno rumori non picevoli e i tuoi occhi vedranno scene non belle, tu non dovrai perdere i lumi della ragione e non dovrai mai fare del male al tuo prossimo.

Dice la Candelora : una volta, rapirono una ragazza bellissima e la povera madre, con una candela accesa, la cercó dapperttutto senza mai trovare alcuna traccia.
Per un lungo periodo di tempo ella ebbe il cuore pieno di tormento e di dolore, poi, col passare degli anni, piano piano, ritrovò la pace. Cosí anche tu - conclude la Candelora - scorda le pene e gli affanni della vita, vai a fare un bicchiere con gli amici e godetevi la strina».


Metro - Terzine di endecasillabi a rima alternata

 



Strinaru

Stasira ie' 'na sirata arricurdata
Ie' festa de la Santa Candivora
Le puortu 'na candiva appiccicata.

Oj vergine Santissima Marìa
Aju hattu 'nu vutu e l'aju 'e serve'
Ia me 'nghjinuocchjiu ccàdi avanti a ttia.

E 'nghjinucchjiatu 'ncignu la preghiera:
«Squaglia lu gelu de stu viernu friddu
Ha' èsciare lu sule 'e primavera.

Mantename luntanu de lu dannu,
Si tiegnu odiu 'ncùorpu, cacciamilu;
Ia vuogliu esse' buonu tuttu l'annu.

Purificala tu st'anima mia,
Si a bote ccu l'amici e lla famiglia
'Ud'ie' compretamente 'ngrazia 'e Dia».

Candelora

Ie' buonu chi 'u cristianu se cumpessa',
Ma 'a pace nun se trove' ppe lla via,
L'àdi 'e truvare l'anima tua stessa.

Strinaru

Su' Sante le parole de Marìa
Ma 'u diàvuvu chi 'mpeste' tutta l'aria,
A bbote se 'mpussessadi de mia.

Candelora

'Un béstare 'u carattere de lussu,
Cu' l'àspidu chi mùzzicadi all'umbra;
E llu toru 'mbestialisce ppe llu russu.

'A vucca arsa d' 'a malignitate,
Si le ha' sidda nun capisce' nente,
Vívadi alle huntane addissiccate.

L'ùominu ch'ie' 'mparatu a fare male
E spùtadi valenu supra l'atri,
Ie' carculatu pieju 'e n'animale.

Strinaru

Ia lu morale tue l'àju sentutu,
Ma diciame, cu' m'àju 'e cumpurtare?
Sinnò hurnu 'a pacienzia e te salutu

Candelora

« 'Un pèrdere 'u controllu e lla medulla
A 'na via stritta se ùrtanu tutti,
'Mmienzu 'na chjiazza larga, mancu 'a hulla.

Si a' 'ntisu sempre 'na sunata bona
'E ricchjie tue l' abituate male
Ncu' 'a vota 'e sente puru galle 'e trona.

L'uocchji lucenti de Santa Lucìa
'Un bidaû sulamente juri e rose
Su mundu mundu c'ie' tanta lurdìa.

'Na vota s'arrubbaranu 'na higlia
Ch'ere' cchjiú bella de 'nu raggiu 'e sule;
'A stilla'e tutta quanta la hamiglia.

Povera mammarella scunzuvata!
La jìudu a circà' ccu 'na candiva,
Ma nulla trazza nde fu mai truvata.

Anima e core l'eppe' sempre 'nguerra
Eppuru chjianu chjianu, ccu llu tiempu
Truvaû d'apede pace 'ncapu terra.»

Strinaru

Cu' dici tu mi nd'aju 'e rescurdare?
E forse 'everu 'a lingua de lu tiempu,
Sta cecatrice mia la pue' sanare.

Cadelora

Matre natura a' fattu 'i cunti chjiari:
Maligni e buoni, ricchi e povarielli,
Vene' lla morte e be minte' alla pari.

Strinaru

Sàrvame, poca, la situazione ;
L'acqua de lu vattisimu e lla vesta,
E l'ostia de la prima Cumunione.

Sàrvame tuni e pue, si me cunciedi
Vùogliu veníe' a pregare notte e jurnu;
Madonna mia te vasu li piedi!

Candelora

Scordate de le pene e de l'affanni
Va' hatte 'nu bicchieri ccu l'amici
Guditive la strina e ppe cent'anni!

 

 


'U strinaru e la candivora